Produttività e Benessere: i dipendenti felici lavorano meglio

Una ricerca tratta da Knoll mostra come le condizioni di lavoro negative portano le persone a non essere soddisfatte dei propri posti di lavoro e a  ricercare continuamene  altre occupazioni.

wellbeing-figure-1

Nella Società  della Conoscenza le aziende devono concentrare principalmente gli sforzi sul loro bene più importante: le persone. Se le aziende vogliono ottenere maggiori risultati  ed evitare fughe di talenti dovrebbero investire nel benessere dei lavoratori. Il problema è che ciò non è sempre compreso e non  viene fatto in modo sistematico.

wellbeing-figure-2

I dipendenti con alti livelli di benessere, non solo  costano meno ma sono più produttivi, più impegnati e più coinvolti nel proprio lavoro.

wellbeing-figure-4

Per influenzare il benessere dei dipendenti c’ è necessità di posti di lavoro e pratiche di lavoro in cui vengano soddisfatti bisogni fisiologici e di sicurezza . Secondo la “Piramide dei bisogni di Maslow” le nostre azioni sono motivate al raggiungimento di determinati bisogni.

wellbeing-figure-7 (1)

In questo quadro, se un dipendente soddisfa i bisogni fisiologici di base (mangiare, bere, dormire) e di sicurezza del luogo di lavoro ( illuminazione adeguata, comfort termico,  livelli di rumore ragionevoli,  privacy sufficiente, etc.), se trova risposta alle esigenze  di amore e affetto, può rivolgere la propria attenzione alla autostima e raggiungere la  realizzazione  di se. E un lavoratore realizzato e  soddisfatto sarà più impegnato e più produttivo.

Per approfondire clicca qui.

 

Lascia una risposta